BLOWFUSE IS COMING TO ITALY! HERE’S AN EXCLUSIVE INTERVIEW (English Only)

BLOWFUSE is coming to ITALY! 4 shows, which are going to be:
19.12 – Castiglione delle Stiviere (MN) – Arci Dallò
20.12 – Milano – Spazio Eterotropia
21.12 – Marghera (VE) – CS Rivolta (con Talco)
22.12 – Chiuppano (VI) – Osteria Al Castello
Along with them, 360 Flip as a supporting act. All this thanks to our friends in Trivel Collective!

Epidemic Records put out their amazing album “Daily Ritual” here in Italy. A true masterpiece, which you should definitely have!
(Also, it’s 25% OFF all December, along with EVERY-Freaking-THING on our E-store! Just saying…)

Vinyl / CD: https://www.epidemicrecords.net/store/50-blowfuse
Bandcamp: https://epidemicrecordshc.bandcamp.com/album/blowfuse-daily-ritual
Spotify: https://goo.gl/ybck4M
Youtube: https://youtu.be/j7Y4mnjoEKE

We’ve asked a few questions to Sergi, guitarist in the band. If you don’t know Blowfuse yet… well, you can catch up now! So you won’t miss them at any of these 4 shows!
Enjoy!

You guys are about to come back to Italy, where you’ve played several times now.
What do you like about playing here? What’s the most fun show you’ve played around here and why? What do you expect from this new Italian tour?

Italy feels like home. People in Italy has a similar approach to life and they’re warm-blooded just like us. Shows are wild as fuck: I remember Venice Hardcore Fest being one of our first shows in Italy back in 2016 and boy that was unexpected, stagediving all over the place! But If I had to choose I would pick Sherwood Festival last year as the craziest pf all. So much fun. We don’t really expect anything, we just hope the shows are crowded and that we have a good time in la bella Italia!

Your sound was primarily influenced by skate punk and melodic hardcore at first, but with “Daily Ritual” it has turned towards broader influences: I can hear 90s rock, grunge and metal-funk references that probably characterize your identity as a band more than anything else nowadays.
How did you get to this?

Thanks for that. Well, truth is we’ve always listened to extremely different music from funk to classical, but we were afraid of stepping out of the faster punk-ish style. But for this record we decided that we were going to put everything we have into it and put fear aside. More than ever before, we strife to create a new sound, and every record is a step forward.

 

Blowfuse has grown a lot as a band, you’ve been playing big festivals and tours with bands I guess you’ve loved since you were young punks. How does it feel? What was your favorite show in 2019 and what are you looking forward to in 2020? I guess touring with Bad Religion, Suicidal Tendencies and Millencolin is going to be a huge thing, but is there anything else you are really looking forward to?

It feels good man, I guess it’s a cliché to say we didn’t expect this when we first started but it’s true. We’re so lucky to have played with NOFX some shows this year, but I’d say my favorite one has been Barna ‘N’ Roll Festival in our hometown Barcelona, with The Offspring, Talco and more great bands. Well.. Can’t say much but something’s cooking for 2020, we will try to play as much as we can and hopefully, put out new music! Being part of Bad Religion’s 40th anniversary tour is simply mind blowing, but we’re also trying to visit new countries and play new festivals…life’s short so there’s no better time than now!

You guys are definitely a very fun band to watch live, and anyone who has watched you play live can confirm that I guess. But your lyrics seem to have specific topics that go beyond the repertoire of a party band; they are about life, they deliver messages and reflections that go deep, sometimes playing with irony, other times with references to personal experiences, but always about something that we can all relate to.
Is it possible to be a fun band to watch and enjoy live but still get to convey something more at shows? Do you feel like this duality of yours is something your fans look for and find in your band?
What do you think people appreciate the most at your shows?

Being in a band, playing hundreds of shows and writing music makes you think about what are you doing with your life and what do you really want to do with it; for us, having a band is the perfect tool for learning about ourselves and trying to become a better person.

Back then we used to write about what we thought we were supposed to talk: politics, social criticism, etc. But this time we all agreed we wanted to be truthful and honest and tap into our inner feelings and emotions, that’s what ‘Daily Ritual’ is about. Like you said, the good thing about this is that everyone can relate to it.

As a live band, we focus a lot on giving the audience a different live experience to what they’re used to, altough as musicians we want to feel free to express truthfully. So yeah, I think it’s achievable to give both inner and outter experiences to the listeners.

What bands should we listen to? Any tips about new bands or current bands that our readers should check out?

My advice is: listen to every band out there, old and new, death metal or jazz music. As a person, every genre makes you feel a unique emotion and in the end, and as a musician, in the end you will consciously and unconsciously absorv from every band you’re listening to and that is going to show on your songwriting and style.

What is the best thing about touring? How different would you guys be as individuals as well as musicians if you didn’t have the chance to tour as much as you do?

Altough touring sometimes is hard, overall is the funniest thing of being in a band; it’s the reward after the hard work. You just have to make sure you get to the venue in time and play the songs accurately haha. Being on tour has definetely shaped us as who we are now and I’m dead sure we wouldn’t be the same without these experiences. For that we feel very greatful and we hope to keep on doing it as long as we’re alive.

 

Italy is waiting for you, and I’m sure you’re going to have a great time here!
You have the chance to say something to your Italian friends and fans who are looking forward to these shows!

Thank you all, without each one of you this would not make sense. See you soon, the spiral is coming for you!

Il nuovo album degli STANIS da voce alla società moderna.

STANIS è un trio bolognese dedito ad un mix di punk rock, skate punk e hardcore melodico.
Sono appena approdati alla loro prima uscita sulla lunga distanza, dopo alcune registrazioni più brevi che hanno però permesso al gruppo di farsi apprezzare tra gli appassionati di queste sonorità.

“Tales from a Modern Society” è un viaggio a metà tra l’introspezione e l’analisi del mondo circostante, un disco molto personale ma allo stesso tempo in grado di consentire a chi vi si approccia di ritrovare elementi, positivi e negativi della società in cui viviamo.

1) Siamo ad un mesetto circa dall’uscita di “Tales from a Modern Society”. Come è stata la risposta iniziale? Siete contenti? Qual’è la cosa che maggiormente vi ha colpito in seguito a questa uscita?

Z: ciao! si, siamo estremamente contenti di come sta rispondendo il pubblico a quella che è la nostra prima vera pubblicazione! ogni piattaforma social ci informa costantemente di nuovi follower e questo ci riempie di orgoglio!

2) “Society” e “Ready Reply” sono stati i due singoli che hanno accompagnato il lancio del disco. Quali sono gli elementi unici di ciascun brano e cosa invece li collega, magari anche ad altri pezzi del disco?

Z: Mi piace definire le nostre prime due uscite come l’alfa e l’omega dell’intero disco… diametralmente opposte come armonia musicale e tematiche trattate racchiudono tra di esse tutti i brani del disco.

3) Formazione a tre, cantato in Inglese, testi tra personale e politico. Siete sicuri che ci sia spazio per voi in Italia e in particolare a Bologna? Sperate o pensate di poter raccogliere maggiori risposte all’estero oppure l’Italia si è finalmente liberata della diffidenza verso queste caratteristiche? Parlo un po’ anche per esperienza personale – con gli Smashrooms abbiamo suonato parecchio in Italia, ma era all’estero che trovavamo una migliore risposta in generale.

Z: per me gli Stanis sono prima di tutto tre amici che suonano insieme il genere musicale che amano. di conseguenza dove la nostra musica possa essere più apprezzata e che spazi riesca a ritagliarsi all’interno della propria città ora, nell’era del digitale e dei social network, è un problema che ritengo secondario.

4) Vi siete sparati dei bei concerti ultimamente.. Il release show al Grotta Rossa di Rimini, KNRD Fest… e ci sono dei bei concerti in arrivo! Punk Rock Holiday e The Fest!
Per una band attiva da poco sono bei risultati! Siete tutte persone conosciute nell’ambito punk e questo sicuramente aiuta. Quanto è difficile oggi per una band autoprodotta, trovare i propri spazi?

Z: quello che abbiamo fatto in poco più di due anni è stata una conseguenza della nostra attività pregressa in altre band. Il consiglio più valido di sempre che posso dare a chiunque abbia una band e voglia suonare in giro è quello di essere presente il più possibile agli eventi, supportare e sopratutto parlare, divertirsi e condividere esperienze con chi ha la tua stessa passione.

S: La difficoltà è sempre nel trovare gli spazi dove poter suonare, non solo punk rock, ma qualsiasi genere. Locali storici che davano spazio a piccole band come la nostra (magari in apertura a band un po più grosse) ora si buttano sulle tribute band. Oggi poi è molto triste vedere che i pochi spazi rimasti vengono chiusi o sgomberati, come ad esempio l’XM24

5) Diteci cinque cose che nessuno sa circa gli Stanis e cinque cose che nessuno sa circa “Tales from a Modern Society” e il lavoro che c’è stato dietro!

S: Wow 5 cose che nessuno sa sono tante, quella che a me fa più ridere è che in Italia tutti capiscono che il nostro nome è preso da Stanis La Rochelle, personaggio di Boris, ma all’estero (dove ovviamente nessuno conosce Boris) pensano che il nome sia preso da Stanis Baretheon di Game of Thrones, che non è proprio il personaggio più simpatico della serie. Un altra situazione divertente è quando abbiamo girato il video di “Ready Reply”, eravamo un po preoccupati a girare con un costume da lupo nel parco pubblico più grande di Bologna perchè avrebbe potuto creare scompiglio e di andare incontro a dei guai, non avevamo considerato l’ipotesi che genitori con i propri figli ci fermassero e chiedessero se i loro bambini potevano far una foto con Stanis (che è il nome che abbiamo dato alla nostra mascotte)

Z: allora… alcuni dettagli particolari di Tales From A Modern Society invece sono il fatto che sia stato registrato in tre momenti differenti nell’arco del 2017 e 2018 e che molte canzoni abbiano avuto diverse versioni del testo, per alcune riguardanti anche tematiche molto diverse, prima di trovare la loro forma definitiva.

6) Cosa succederà oltre al Punk Rock Holiday e The Fest per gli Stanis nei prossimi mesi?

S: Il nostro obiettivo è suonare ovunque e conoscere più gente possibile, divertendoci! Non abbiamo davvero altri obiettivi al momento

7) Suggeriteci qualche gruppo poco conosciuto che merita la nostra attenzione!

Z: Purtroppo il concetto di poco conosciuto è estremamente relativo… personalmente penso che le migliori band in circolazione al momento siano Astpai, Deaf, Not On Tour e Darko… inoltre al KNRD sono stato colpito super positivamente da band come La Armada, Faintest Idea e Fights & Fire!

S: Di gruppi ce ne sono tantissimi e tutti validissimi! Oltre a quelli citati da Zed, io aggiungo Drones, CF98, Resolutions, Hell & Back e Bates Motel

8) Avete spazio per dire quello che volete dire a chi leggerà questa intervista!

S: Grazie a quelli che hanno speso tempo e interesse per gli Stanis, ripaga di tutte le energie che abbiamo messo in questo disco

Z: grazie mille del tempo dedicatoci! speriamo di vederci presto sopra, sotto, dietro, a lato del palco a condividere musica

FACEBOOK: https://www.facebook.com/stanispunxhc/
ASCOLTATE “Tales From A Modern Society”:

Il ritorno degli ATTIC, cosa c’è da sapere su “Interiors”

Gli Attic tornano dopo anni di silenzio con una nuova formazione, un nuovo disco ma con la stessa voglia di fare musica ed esprimersi attraverso di essa.
Il frutto di questa rinascita è “Interiors”, album dai riflessi metallici, dal sapore post-hardcore e dalle atmosfere cupe e marcate.

1) Da dove ripartono gli Attic? E perchè ripartire?


Il progetto Attic si è interrotto nel 2012. Il nucleo fondamentale della band è sempre rimasto a tre: Lorenz alla batteria, Alberto alla chitarra e Lorenzo alla seconda chitarra. Questo nucleo ha pensato e arrangiato i pezzi di Interiors che però sono rimasti nel classico cassetto. Le circostanze ci hanno fisicamente allontanati, senza più la continuità necessaria a sostenere il progetto. La voglia di riprendere le cose è arrivata in modo naturale: concretizzare i pezzi e chiudere un cerchio. Ci sarebbe dispiaciuto disperdere del materiale che ritenevamo valido e che testimonia, a livello personale, un periodo molto intenso. Nonostante gli impegni e le distanze, abbiamo ripreso a provare. Alla ricerca di bassista e cantante non abbiamo fatto altro che guardarci intorno e adottare due amici storici con cui abbiamo condiviso palchi e strada. Marco e Stefano fanno parte della scena vicentina e, dopo la fine del progetto Days of collapse, erano senza banda. Per noi è stato semplicissimo: abbiamo chiesto e hanno detto sì.

2) Che differenze state riscontrando tra il momento in cui vi siete fermati e il momento in cui siete ripartiti, all’interno e all’esterno del gruppo?

Crediamo che le differenze percepite siano assolutamente personali, dovute all’evoluzione delle nostre vite in questi anni di stacco. Lorenz ha continuato a suonare in ottimi progetti (Calendula, Buzzooko) occupandosi anche della programmazione di Arcidallò; sta facendo un faticoso ma eccezionale lavoro per supportare un tipo di scena a noi affine. Lorenzo e Alberto han continuato ad ascoltare e suonare per l’estremo piacere di farlo ma non hanno più avuto una band. Tornata la voglia di esporci non poteva che essere insieme agli amici di sempre: vogliamo accontentare noi stessi e fare musica nel modo più sincero e coerente con quello che siamo. C’è stata sicuramente una maturazione a livello strumentale. Stefano e Marco sono stati una garanzia anche in questo: persone che tengono molto alla cura di quello che fanno.

3) “Interiors” ripropone con grande freschezza alcuni capisaldi di un genere spesso trattato con una certa canonicità. Vi siete riproposti di fare attenzione a non cadere in copiature grossolane o è il frutto di una ricerca che si estende anche al di là delle sonorità post-hardcore? Come è stato affrontato, e in che tempistiche, il lavoro di scrittura dei pezzi che lo compongono?

Abbiamo ascolti e formazioni musicali molto differenti e questo ci caratterizza, sia nella resa che nell’approccio. Partendo da un retroterra hardcore ci interessava dare un’impronta personale, cercando un prodotto diretto, veloce e riconoscibile. Una volta ripresi i pezzi (composti ormai anni fa) ci siamo sorpresi a modificare molto poco e questo per due motivi, secondo noi: 1. l’impegno enorme con cui avevamo già lavorato ad arrangiamenti e strutture 2. la responsabilità verso pezzi che sono la testimonianza di un periodo particolare per noi. Usando una metafora fotografica (anche se ormai vecchiotta), è come se avessimo sviluppato un rullino volutamente nascosto in cassaforte anni fa. Anche senza ritocchi le foto erano a fuoco e molto attuali. Abbiamo aggiornato la cornice: la “ricerca” che indicavi c’è stata nel suono. Siamo adulti e abbiamo più possibilità di investire sulla strumentazione, lavorando sulla convivenza di due modi di suonare la chitarra molto distanti e su una sessione ritmica super cinetica. Marco e Stefano hanno dato poi un valore aggiunto: un cantato diretto ed espressivo e un basso preciso e carico. Le prese strumentali e il mixaggio sono state fatte al Take One Studio di Luigi Signori. Il master è stato invece lavorato da Danilo Battocchio del Deepest Sea Studio (e di Tutti i colori del buio). Grafiche e copertine sono opera di Alberto.

Il disco si trova in CD ma con un “contenitore” anomalo: una busta da formato 7’’ con all’interno una stampa per ciascuna canzone con testi e grafica. Per i feticisti abbiamo poi una serie limitata (50 pezzi) che ha come copertina una lastra di alluminio. Oggetto da esposizione.


4) Diteci almeno cinque cose sugli Attic e su “Interiors” che ancora nessuno sa.

1-Oltre a Marco era stato contattato Iacopo dei Calendula per unirsi alla band come cantante.Ma la distanza e i mille impegni lo avevano costretto a rifiutare.Stesso discorso per Marco dei compianti Lamantide.

2-Interiors doveva contenere una traccia in più, piuttosto anomala rispetto alle altre, ma non siamo mai riusciti a chiuderla in modo soddisfacente. Abbiamo solo tenuto il riff iniziale, che è diventato l’intramezzo dal titolo “VII”.

3-I testi li ha scritti Lorenz,il batterista.

4-Sempre Lorenz,dato che non si trovava ancora un cantante e nessuno degli altri voleva farlo, ha registrato un paio di take,provando a ‘dar voce’ ai pezzi.

5-Nel 2012 stavamo per intraprendere un mini tour europeo insieme agli amici We Sink, saltato poche ore prima di partire…un tatuaggio ce lo ricorda spesso 🙂

5) Ci sono gruppi italiani che consigliereste di ascoltare a chi apprezza le vostre sonorità?

I riferimenti sono tanti e molto diversi ma ci piacerebbe citare: Wows, Turin Horse, Lleroy, Hobos, Die Abete,i nostri fratelli di sangue Abaton.Poi i Sedna,Hate&Merda,Viscera/// e  gli amici Buzzooko, Thunder Bomber e Calendula.

6) Quali sono i vostri progetti per il futuro?

Nessuna grossa aspettativa.La distanza è molta e la logistica non è delle più comode.Sicuramente cercheremo di far più date possibili, almeno in Italia.Poi non escludiamo di fare qualcosa pure all’estero.Vediamo come va

LINK:
Attic: https://www.facebook.com/attichc/
Interiors LP: https://attichxc.bandcamp.com/album/interiors

Michele Camorani e Serimal: dal Punk ad un Laboratorio di Serigrafia

Video intervista con Michele Camorani, mente, cuore, anima e mani di Serimal, laboratorio di Serigrafia con sede a Forlì.
Dalla sua esperienza negli ambienti musicali punk e hardcore Romagnoli con band di rilievo (Raein, La Quiete, Havah…) alla sua passione per la serigrafia, che lo ha poi portato ad trasformarla in vero e proprio lavoro, con risultati eccellenti.
Una storia come tante, eppure straordinaria. Mi sembrava bello parlarne.

Potete scoprire tutto di Serimal qui:
http://serimal.com/
https://www.facebook.com/serimalscreenprinting/
https://www.instagram.com/serimal/

Musiche di sottofondo: Havah
https://www.facebook.com/hhavahh/
https://hhavahh.bandcamp.com/

Piccola nota: tutto il merch Epidemic Records è stato realizzato da Serimal. Lo trovate qui:
https://www.epidemicrecords.net/store/19-epidemic-records

Live footage credits:
Reid Stubblefield; stranipesci.

Note tecniche:
La camera usata per l’intervista è una vecchia point-and-shoot (Panasonic DMC-SZ1). Mi sto attrezzando per poter filmare con strumenti migliori.
La luce nella stanza poteva essere gestita meglio. L’editing è molto semplice. Si tratta della mia seconda esperienza video. Ma da qualche parte – anche con qualche errore – bisogna pur iniziare!

Buona visione!

Marnero: poeti e pirati che raccontano la realtà meglio della realtà stessa.

Credits: Luca Giorietto

 

Tra le poche certezze della vita c’è questa: ogni volta che ascolti un disco dei Marnero trovi spunti nuovi. Nella musica e nei testi.
Fresco di uscita, il nuovo disco “Quando Vedrai Le Navi In Fiamme Sarà Giunta L’Ora” è un concentrato di idee e di energia, ma anche di riflessioni, arte, rabbia, gioia, disillusione e sogni.
Insomma… la ricetta che tanto ci piaceva è stata ulteriormente perfezionata… e questo disco si colloca già tra le cose più belle uscite nel 2018.
Abbiamo intervistato Nico, in arte John D. Raudo, cantante e chitarrista della formazione Bolognese. Se nei testi ha tanto da dire, questa intervista non è da meno. Anzi… Leggete e godetene tutti!

Per chi ancora non avesse avuto modo di ascoltare questa ottima uscita (Epidemic Records, insieme a tante altre belle realtà italiane), eccola qua. Trovate anche il link per ordinare Vinile o CD.
Buona lettura!

Ordina Vinile / CD: https://www.epidemicrecords.net/store/49-marnero

1) Cosa puoi dirci sulla Saga che accompagna i vostri dischi? Siamo ormai al quarto LP di questo concept e sembra essere stata una scelta fortunata, che ha aggiunto qualcosa di insolito alla musica e ai testi, già di ottimo livello di per sé.

Ti ringrazio ma non abbiamo pianificato una Saga! (…) Gab, era una battuta. Ma in realtà è vero, non abbiamo pianificato una Trilogia a tavolino, all’inizio. Diciamo che è Capitan Senno di Poi che ci può aiutare a trovare i fili conduttori nelle tematiche dei nostri 5 dischi. Innanzitutto quasi tutte le nostre storie parlano di mare, di navi, di porti, di porte. Il mare, dove le cose si muovono e gli uomini non sono i padroni, è l’unico luogo del globo ancora libero. Il mare ti può spostare in qualsiasi direzione, sia orizzontale che verticale, ed è l’ultimo luogo anarchico che non può essere recintato, dove l’uomo non può dettare le sue leggi e non ha dominio nei confronti di una natura che sa essere ancora tremenda. E poi il mare è fatto di acqua, il simbolo per eccellenza della vita che scorre indifferente, che è incapace di fermarsi, che filtra tra le crepe del mondo. Poi, in tutti i dischi della Trilogia si parla del Fallimento, inteso come rivoluzione, come motore positivo, come volontà di fallire, andare al fondo delle cose, come possibilità di vivere una nuova vita. Ma esistono vari tipi di fallimento. In Naufragio Universale (2010) è l’intero universo a collassare, e il disco finisce con questa persona che racconta la sua storia mentre sprofonda, volontariamente, sul fondo del mare. Ma il tipo sopravvive, ed ecco appunto Il Sopravvissuto (2013). Qui non è il sistema a fallire, ma è l’individuo che va a sbattere contro i suoi Mostri. Il naufrago che si trova al centro di questo Oceano delle Possibilità scopre che l’identità che credeva di avere non è altro che la somma di limiti e catene che in parte gli ha dato la società, e in parte si è messo da solo. Nell’ultimo capitolo, La Malora (2016), “Io” è finalmente costretto, per la prima volta, all’incontro con altri Sopravvissuti: si passa dall’Io al Noi.

2) “La Malora“, appunto, il capitolo precedente, è uscito in vinile e CD, ma è anche il titolo di un romanzo che porta la tua firma. Come si propone questa versione? Cosa ha in comune col disco e cosa invece è unicamente caratteristico del romanzo?

La Malora conclude la Trilogia del Fallimento, ma può essere letta anche come una storia a sé (puoi farlo anche qua). Purtroppo, nessuno mi ha mai regalato per natale il dono della sintesi, così al momento di mettermi a scrivere i testi per il disco La Malora, ho buttato giù la storia senza preoccuparmi del vincolo della metrica. Risultato: 180 pagine. Da quelle pagine ho estratto i testi delle canzoni, per poi rendermi conto che non vivevano di vita propria, avevano bisogno di un contesto in cui inserirsi, e le canzoni non bastavano a raccontare i personaggi. A quel punto è arrivato Matteo di Bébert, che mi ha proposto di pubblicare il romanzo e allora ecco che il parto della Malora è diventato bicefalo e siamese: due dischi, un libro, 4 parti di una Trilogia fallita. Si può ascoltare il disco, si può leggere il libro, o si possono fare le due cose assieme, che è quello che noi consigliamo per poter approfondire un po’ la storia di questi personaggi. Sono personaggi archetipici, che all’interno di una Taverna raccontano la loro storia, e ogni personaggio è multiplo: potrebbero essere le varie personalità frammentate di un unico Sopravvissuto, oppure potrebbero essere la sintesi di mille personaggi diversi che trovano in loro una rappresentazione simbolica. E non sappiamo neanche chi sono davvero questi personaggi. Sono io, sei tu, siamo noi. Boh. Non lo sanno neanche loro. Hanno rinunciato al proprio nome. È solo spogliandosi della loro identità, dei copioni, delle loro maschere, dei loro volti e dei loro ruoli che riescono finalmente a riconoscersi, dissolti nella vulnerabilità, nella nudità, con tutte le loro ferite e le loro colpe. E l’identità perduta libera le loro anime nomadi e forma un Noi.

3) Poi arriva “Quando vedrai le navi in fiamme sarà giunta l’ora“: è uscito da poco, ma sembra aver già raggiunto il cuore di tante persone che vi seguono. Cosa c’è di nuovo e cosa c’è di consolidato in questo nuovo capitolo?

Quando vedrai le navi in fiamme sarà giunta l’ora in realtà è fatto di canzoni che possono esistere anche da sole, ma poi anche queste sono legate: sono storie in cui finalmente si passa dal Noi al Loro. Quindi c’è un filo rosso che unisce Il Sopravvissuto con La Malora e con Le Navi in Fiamme, il pronome: da Io a Noi, da Noi a Loro. Perché, come dice WuMing II, nel Prologo, “Noi siamo Loro”. Noi siamo Loro, Io sono Loro, Loro sono Io, Io sono, Loro sono, se ci pensi il verbo è lo stesso. Loro sono una folla in marcia, di volti anonimi e per niente speciali, facce meticce delle minoranze.

Nei testi, questo disco nuovo è anche molto terrestre: oltre al mare c’è la pioggia, e ovviamente il fuoco.

Loro sono in marcia fra le macerie di una civiltà ormai distrutta, le rovine di un intero mondo quasi estinto, che procedono fra i detriti, nelle tenebre, inciampano, cadono, si rialzano. Attraversano le macerie del disastro con i piedi incatenati al proprio cammino, malgrado tutto. È l’accampamento di una resistenza, segnalata da un fuoco: magari è solo una scintilla, o la poca brace residua di un vecchio fuoco che forse è ancora acceso, ma va assolutamente tenuto in vita.

Musicalmente, e come attitudine, ci pare evidente il fatto che il disco sia più diretto, anche più rabbioso, nell’etimo della parola hardcore: tutti i nostri dischi sono politici, parlano di liberazione, ma questo lo è in maniera meno metaforica: crediamo dipenda dal bisogno di reazione che sentiamo rispetto all’ambiente che ci circonda. L’emergere delle nuove destre, non tanto nei partiti politici neoliberisti securitari, quanto nella mentalità della gente comune in strada, e la necessità di resistere al cerchio che si stringe intorno agli spazi occupati, sono sicuramente due buone ragioni per uscire di casa e provare a narrare, un po’ meno metaforicamente, il bisogno di resistere a questo assedio, malgrado tutto. È già tardi? Forse no.


4) La Bologna autogestita e politicamente attiva sta vivendo una fase di forti pressioni politiche. La città è senza dubbio cambiata negli ultimi lustri. Come band e gruppo di persone attive sul territorio, come vivete questa cosa? Che cosa potrebbe aiutare gli spazi autogestiti e la creatività che sorge dal basso a superare questa ondata repressiva e di appiattimento culturale?


A Bologna si manifesta lo stesso problema che c’è in tutta Italia, anche se la città è ancora governata dal Pd (numeri elettorali alla mano, si potrebbe suggerire un nuovo acronimo per il Pd: Piccola Destra). L’apologia dogmatica della legalità da parte del Pd, ben prima che il gran Cancelliere Matteo II salisse al potere e ordinasse un “sgomberate tutto”, aveva anticipato i lavori: sgomberi violenti di ex Telecom, Atlantide, Labàs, Crash, pugno di ferro contro gli ultimi, allontamento attraverso il daspo urbano di senza fissa dimora, tornelli all’università e alla stazione per allontanare i poveri, gentrificazione pianificata. Sul versante dei pochi centri sociali rimasti in città le cose non vanno meglio: al momento, anche Xm 24 è sotto minaccia di sgombero e ad invocarlo sono proprio i catto-renziani del Pd di Matteo I, che giocano ancora una volta a fare l’imitazione della Lega. Ritorna alla memoria lo sgombero di Atlantide, che a distanza di tre anni rimane vuota e murata. Atlantide oggi è un simbolo, è un avamposto. La sua storia insegna molto, anche adesso: guardando dalla finestra di Atlantide, si possono vedere ancora le cose cristallizzate come erano nell’ultimo istante, durante l’ultimo concerto, e quindi è davvero come vedere Pompei. Sepolta, paralizzata, sotto la cenere si crea però la brace. C’è qualcosa che brucia lì sotto, c’è qualcosa che sopravvive. Un villaggio che si è formato. Un Noi. Quella cenere, quel muro, spiegano molto bene qual’è l’idea di cultura che che porta avanti questo tipo di amministrazioni bipartisan, a colpi di idrante contro i manifestanti che portano il fuoco. Mi perdonerai se non ho una risposta su come superare questa repressione, se non: rimanendo uniti e portando il fuoco. Purtroppo tutto questo non è facile: l’eterna pioggia che cade dall’alto cerca di spegnere ogni fiammella, e anche se non la si può fermare, si può in qualche modo resistere. Portando il fuoco, appunto. Per questo anche la musica può svolgere un ruolo importantissimo. Dipende da noi la potenza sotterranea di un flusso che non si arresta, di una resistenza liquida capace di rimettere nelle mani delle persone le proprie vite: vite che portano il fuoco, acqua che porta la vita. Tra gli interstizi della civiltà, la vita sopravvive, infilandosi nelle brecce del sistema, vivendo nelle sue crepe. Infiliamo il dito tra le sue ferite. Viviamo grazie ai suoi errori.

5) I Marnero sono riusciti a raggiungere una certa trasversalità, pur suonando un genere piuttosto definito, seppur molto personale. Inoltre siete una delle poche realtà dal forte carattere DIY che sono riuscite nell’impresa di farsi apprezzare anche al di fuori dei circuiti più ristretti. Cosa rende oggi, nel 2018, il Do It Yourself una valida alternativa al mainstream? E’ possibile ricevere attenzione anche da chi non gravita all’interno dei circuiti più underground, senza annacquare la propria proposta? I Fugazi, pur con le dovute differenze, ci sono riusciti. I Marnero come vivono questa cosa?

Hai ragione, siamo un gruppo un po’ di traverso. Grazie a (o per colpa di) questo nostro essere borderline fra i vari generi, abbiamo potuto suonare in contesti e ambienti differenti. Suoniamo principalmente nei Centri Sociali, ma anche in Locali, Club, Circoli e Festival di tutti i tipi. Non di rado è successo, ad esempio, di suonare il venerdì ad un Festival con gruppi che suonavano con la pipa i microfoni a contatto e le piante grasse in assenza di gravità all’aperitivo, e il giorno dopo suonare ad un benefit politico in uno Squat, occupato da due ore e mezza, in cui i ragazzi stavano ancora cercando di allacciare la luce in modo D.i.y. e di bere BestBrau (che contrariamente al nome, non è la Miglior Birra) fino alle 6 del mattino, tipo a certi benefit per un contest di vomito. Per alcuni siamo troppo estremisti, per altri siamo troppo poco militant, e quelli a cui piace un preciso cliché musicale – e solo quello – non ci cagano perché non facciamo mica esattamente quel preciso genere musicale. E via così. Ma tutto questo, alla fine, è la nostra fortuna, perché possiamo suonare molto, cercare di portare uno sguardo altro in tutti i contesti, e imparare un sacco di cose nuove ogni volta. Soprattutto, per rispondere alla tua domanda, questo ci permette di cercare di aprire gli occhi su alcuni aspetti, negli uni e negli altri contesti, nel momento in cui ci accorgiamo che questi ambienti cercano di definirsi per separazione, con il germe dell’autovalorizzazione escludente, rimanendo nei recinti delle proprie abitudinarie confort zone. In un mondo in cui si spara dalla finestra ai migranti, e sfilano per le strade i carri armati che festeggiano l’arrivo dei nuovi fascismi, crediamo che possa servire anche il grido di uno stupido gruppo musicale che va in giro a dire “Ehi, amici! Siamo tutti sulla stessa barca!” E la barca è talmente piena da fare acqua da tutti i buchi. Siamo tutti qui insieme, sull’orlo della catastrofe, e tutti lo sanno… ma tutti fanno attenzione a non fare un movimento qualsiasi per paura, e nessuno si muove.


6) Come si prospettano i prossimi mesi? “Quando vedrai le navi in fiamme sarà giunta l’ora” è partito in tour con voi e le date fatte sono già numerose.

Ci piace andare in giro a suonare perché possiamo intersecare i percorsi di persone che diversamente non potremmo conoscere, ci piace andare a casa loro, a trovarli, a staccarli dagli schermi. Solo andando ai live c’è la possibilità di incontrarsi, di riconoscersi, di tessere una tela per costruire un Noi, di sentirsi sulla stessa barca. Ai concerti abbiamo conosciuto gli amici della vita, e soprattutto abbiamo intuito modalità per combattere e resistere quotidianamente ai mostri e le ossessioni che accompagnano noi, loro, che accompagnano tutti. Il live rimane l’unico vero modo per creare insieme, altri “insiemi”, basati sulla qualità delle relazioni e dell’incontro. Questo è quello che facciamo da sempre e per questo è impossibile immaginarsi, in quello che facciamo, di poter aspirare a diventare maggioritari, nella quantità di persone che ci possono seguire: una proposta del genere, per sua stessa natura, è minoritaria, recalcitrante e di nicchia. Perciò ci piace incontrare nel nostro cammino individui, e reti di individui, che si avvicinano a noi magari per la musica, ma che in realtà, come noi, non vogliono esaurirsi a sopravvivere. Con queste persone, forse, non abbiamo in comune una meta ma la volontà di un presente, fatto di Altrimenti e di Eppure. Per queste persone noi non abbiamo risposte, ma solo domande, e proponiamo attraverso delle canzoni, un semplice Come, fosse anche un modo per disprezzare il potere in maniera collettiva e divertente. Il fatto che questo tipo di momenti siano effimeri e non durevoli, non costituisce per noi motivo di resa.


7) Spazio a considerazioni libere e ultimi dettagli. Grazie per aver dedicato del tempo al blog Epidemic Records!

Ci piacerebbe riprendere le parole con cui si conclude “Le Navi in Fiamme”: da sempre, le rivoluzioni nascono nel momento del disastro, come reazioni dal basso, mentre tutto sta crollando. Ma forse stavolta la battaglia non è più per riconquistare un palazzo, un territorio, uno spazio, ma per riconquistare il proprio Tempo e determinarne la velocità. Non siamo in lotta contro il Tempo ma per un Tempo diverso, non più sottomesso al denaro e libero dalla paura. Vincere non dipende da noi, ma combattere sì, al nostro meglio fino a dove, e quanto, Malgrado ci permette di spingerci. Dipende da noi: l’unico rischio che corriamo, nel peggiore dei casi, è al limite soltanto lo sguardo incarognito del boia e di un altro paio di persone, mentre, nell’adempimento delle loro mansioni, si apprestano ad impiccarci.

Joliette discuss Mexican and European music scenes at the beginning of their Tour

Joliette is one of the most acclaimed acts from from Mexico. They are not new to the European public and they gained a respectable position by touring and producing incredible songs that transcend genre definitions, which is the reason why they’d label their own sound as “post-everything”.
They’ve just stared a long European tour and they’ve just put out El Alphabiotista 7″ (Epidemic Records).
Here’s a chat we had with the band just before they left for Europe.

EL ALPHABIOTISTA 7″ IS ALREADY AVAILABLE ON ALL MAIN DIGITAL PLATFORMS:
Spotify: https://goo.gl/vj7kpR
Bandcamp: https://goo.gl/EZcG9o
Itunes: https://goo.gl/pe87Yq
VINYL 7″ PREORDERS ARE STILL OPEN:
Epidemic Records: Europe/World:  goo.gl/HlBp1N
Deathwish Inc.: North America: goo.gl/QYEKCK

It’s been a long time since your last official release. Why did it take you so long to come up with these two brilliant songs to be featured on El Alphabiotista 7”?

The past couple years have been pretty hectic for us. Since our last record came out in 2016 (Atáxico) we had been touring non-stop throughout Mexico, Europe, North America and South America. During 2017, our intention was to go into the studio as soon as possible and have a couple new songs recorded, but before that we parted ways with Gabo, our previous drummer. Time was upon us and we decided to record a whole new album to make up for all this time without any new stuff. The first song from our upcoming album is “El Alphabiotista” and is being released on a 7” quite soon. The b-side of said record is one of our favorite songs, “Dolor de Marinero en la Costa del Vesubio”, this song was actually recorded originally in 2014 but was never properly released, it was part of a split that never came out. We used its original recording and just added a few layers of guitars and that’s it.

You recently put out a split tape with Frameworks (Deathwish Inc). How did it happen? What can you tell us about your songs on that tape?

We had Frameworks visit Mexico during the summer of 2016. By that time, they were promoting their latest album to date “Smother” and we were just releasing “Atáxico”. With both bands playing songs from these new records and touring together, we figured it would be a great idea to have a live session split on audio and video playing some new songs each band. Our songs, “Henry Coyote” and “Tíonkel” are both featured on 2016’s “Ataxic” which is our most aggressive record to date. Due to unforeseen circumstances, the split was released a year and a half later than it was recorded, so it was actually nothing new by the time it came out, but still works as a reminder of the good times we’ve had with Frameworks since we met them.

You’re about to embark on a long European tour, but this is not your first time on this side of the Atlantic. What did you like the most in your previous experience and what do you expect from this one?

Each time has gotten better in Europe. The hospitality is probably the most outstanding thing from these tours. Also, playing with bands you look up to (Raein) and getting to know amazing bands and friends (Storm{O}, for example) makes it an unforgettable experience. This time we’re super excited to play so many fests we didn’t have the chance before and getting to share stage with A LOT of bands that we love.

Mexican music scene seems to be very much alive, even if it’s not really well known around here. Is there any good Mexican band we should be aware of?

Yeah, there’s quite a few. Active and inactive, we love: Walle, Annapura, El Shirota, No Somos Marineros, Apocalipsis, AMBR, For Dummies, Nazareno el Violento, Akûma, among many many others that don’t come to mind right now.

What are you main sources of inspiration as a band? What influenced you in the moment you were writing these two brand new songs?

Like stated before, only one of these is a new song but anyway, it’s hard to reply to a question like this. We have a lot of bands that we love in common, but we also have our very own influences going in the band. El Alphabiotista is a song that talks about fear of death. In general, this whole new and upcoming album deals with “the dark side of emotions”. “Dolor de Marinero…” on the other hand, it’s just a story about an exploding volcano, but still is probably our most “famous” song and it’s weird we’re officially releasing it four years later.

Going back to the influences thing, bigger bands like Glassjaw, Thrice, Deftones, At The Drive-In, Poison The Well, Radiohead… they’re all our major inspirations as far as all their work goes. But since we’ve been a touring band for the past five or so years, we’ve also drawn a lot of influences from all the screamo and punk/hardcore community… bands like Birds In Row, Storm{O}, Viva Belgrado, Ostraca, and many many others have affected us greatly in the way we want to approach our music and this whole community has been super welcoming to us, we feel like we’re definitely a part of this now.

Is there any European band you’re looking forward to play with?

Yeah! Cassus, Birds In Row, Kid Feral, June Paik, and many many more!

What’s after this European tour for Joliette?

We’re releasing a new record and touring a little in Mexico supporting it.

TOUR DATES:

 

 

LA ARMADA: Latino Hardcore Fury in Today’s America.

La Armada is a far from being a newcomer in the game. They have been around since the early 2000s, in the Dominican Republic at first and then in Chicago, IL, where they relocated in 2007.
Their sound is a hardcore – punk – metal crossover and their breakdowns are infused with Latino rhythms that make the band music sound like nothing else. Lyrics are charged with meaningful references and a strong political message, that goes straight to the point.

They tour, tour and tour. As a live band, they had the opportunity to travel the Americas several time and they have already hit Europe once, including an explosive performance at Punk Rock Holiday in 2017, one of the most important hardcore and punk events in Europe.
They are working with Epidemic Records to make their new amazing album “Anti-Colonial Vol. 1” available in Europe. To promote the album they have toured with Propagandhi and Iron Chic across North America. Useless to say, that tour must have been a blast! The band is gearing up to jump on this side of the Atlantic with this new killer album. For those who are still not very familiar with these guys, here’s an exclusive interview!

Listen to Anti-Colonial Vol.1: https://armadahardcore.bandcamp.com/album/anti-colonial-vol-1
Order Vinyl: https://goo.gl/zqy4gh
Order CD: https://goo.gl/v2QeQv

1) Hey guys! How would you describe La Armada in a few words to someone who never heard of you?

There’s a phrase we like to use, “Latino Hardcore Fury” that we feel represents our music pretty well. In essence, we are a hardcore punk band with metal and afro-caribbean influences. Lyrically we write about social injustices, neocolonialism, and the struggles of the everyday worker.

2) “Anti-Colonial Vol.1” is your new album. Epidemic Records is proud and happy to be part of it and make it available in Europe. What can you tell us about it? What’s different from stuff you put out before? What’s your favorite thing about this album?

I think one of our favorite things about the record is how we managed to incorporate afro-caribbean rhythms into our songs without sounding forced or out of placed. This was one of the most important things we wanted to accomplish. We didn’t want to have deliberate “latin” parts in the songs, we wanted everything to flow in and out naturally, and I think we accomplished that more than we ever had. This record was a huge learning process and we think that from here on out we are very clear on what to do as far as writing goes.

We worked on this between tours for around two years, constantly demoing and trying things out on tour to see what people reacted to the most. In a way, most of the album was already tried out in front of a crowd. Vocally, we feel we made a lot of progress, showcasing more of our singers’ range and incorporating the vocals of all the band at different times.

We feel that everything we did before this were just steps to arrive here.


3) To promote the album, you’ve just toured with one of the most important hardcore / punk / metal bands out there, Winnipeg’s Propagandhi, who need no introduction, and Iron Chic.
How did you get in touch with these bands? How was the tour for you and how did people react to your new songs?

We have been pals with Propagandhi for a few years. Our guitar player Paul met them first around 2006 or 2007 when they toured Latin America. Years later, after we moved to the US, we went to see them play and they were nice enough to have us play on some of their shows coming through Chicago. For this tour, everything kinda just fell into place with both bands having new records out.

The tour was one of the most positive things to ever happen to us. They are a band we respect and look up to. Musically, it was a very fulfilling tour, it was our first chance to play the record on a bigger scale and it was some of the best reactions we’ve ever gotten from crowds. I think their listeners are more musically educated than people at your average punk show, and they are also obviously concerned with at least some of the subject matter, so we felt they really understood where we’re coming from and appreciated it. We worked really hard to create the set we played every night. We wanted it to flow seamlessly just like the songs on the record do.

One of the most important things was the positive interactions we had with people. Great, genuine conversations and reactions. Most mornings we would wake up with messages from people that went to the show the night before thanking us for the show and showing their appreciation for our craft.

We’ve also seen Paul (guitarist) taking up the mic in Chicago (your hometown) and sing “Fuck The Border” with Propagandhi. That looked amazing!

Dreams come true.

4) Your music is a mix of hardcore, punk and metal. It’s a balanced crossover of these three things. But as a Latino band, you like to spice things up a little bit, playing with both frantic and paced rhythms in your breakdowns. Does it come from Dominican / Latino traditional music? Could we consider this kind of your trademark?

Yes, definitely. We are playing afro-caribbean beats over hardcore riffs. Some of these rhythms are called “Gaga” and “Palo”. The song “Unquenchable” is a good example of that. We like bringing that out in a way that feels natural to the song, not just for the sake of doing it. We’d like to think that no other band is playing what we’re playing. We’re not afraid to be different.

I think we’ve only very recently started to really understand how to do it better, the new album being the best example. So, it’s exciting to already be writing new songs and using what we learned while making this record.

5) We know that the Latino community in Chicago is one of the biggest in North America. How is it  to live there? What’s the music scene like, generally speaking? And what about hardcore punk? We cannot forget that Los Crudos come from there, and they happen to come from the Latino community too.

Chicago is a huge melting pot of cultures and the south side punk and hardcore scene is made up mostly by people of color, mainly Mexicans and Central Americans as well as African Americans. It’s one of the most diverse scenes we’ve ever seen in the whole US. This is what interested us about the city in the first place. It’s hard to ignore the impact latinx bands like “Los Crudos”, “Tras de nada” and others have had.

It’s a very big city with is a constant stream of shows. On the same night you might have 2 or 3 punk shows in different parts of the city, all well attended. We have definitely been influenced by the music of the city and all the cultures we’ve had the privilege of interacting with. The bad part is it’s cold as hell for most of the year.

6) Lyrics are a very important component of your music. How do people perceive meaningful lyrics nowadays in our music scene? Is there still room for a message?

It depends on who’s listening but there is definitely people interested in it. We come from the punk scene, where most of our politics are not shocking to anyone, they are generally accepted. That’s why as a band we try to bring our message everywhere. We’re a band that wants to open up tough conversations anywhere we go. When we play metal shows we make no secret of our politics even though that crowd is generally not as politically active. So if there’s room for our message, good. If there’s no room, we’ll make it.

7) How is it to be a politically aware Latino band (and group of individuals) in Trump’s America? Is the hardcore punk community reacting to the current political environment in the Country?

I think the positive thing is that it’s not just the punk community reacting, it’s people that are usually dormant. For us, we just have to be very aware of our surroundings because you just never know who’s around and what their intentions are.

We recently played in Indianapolis and after our set someone came up to us very angry with us. Telling us the usual hate-filled speech about how if you don’t like American laws you should leave and that anyone illegal should be deported no matter their age or circumstance. The person started to get aggressive and had to be escorted out of the bar. So, even tho for the most part everything is positive when we are on the road, we just have to be mindful and make smart choices.

8) You toured Europe once but you’re getting ready to come back with “Anti-Colonial Vol. 1”. What did you like the most about playing Europe? When will you guys be back? People want to know!

Playing Europe was an unbelievable experience. We plan to go back in early 2019 to take the record cross the EU. Our first trip there was short and we definitely left wanting to do something longer. One of the things we enjoyed the most was the passion people show for the music. Living in the US you have literally every band in the world coming to play and people can get a little spoiled. In Europe we felt genuine excitement from the crowd as well as being a bit more musically open minded. The food on the road is a hundred times better as well, especially in Italy.

9) I guess that’s everything for now.  We’re expecting you in Europe! Thanks a lot for your time. Final word is yours!

Do it yourself!


Link to Band: https://www.facebook.com/armadahardcore/

Disavow tells us more about Half Empty, touring and themselves.

One week to go and Disavow is hitting the road again. This tour is taking these guys from Gothenburg to Germany, Czech Republic and Austria.
Epidemic Records released their 7″ called “Half Empty” last September, a six-track blast for fans of… hardcore punk!
Special guests on the record: Derek Archambault (Defeater) and Fredrik Larzon (Millencolin), to complete one of the wildest EP that came out of the European Hardcore Punk scene in 2017.
Let’s see what they have to say about it, about touring and about the band. Don’t miss them on tour and make sure to buy a copy of their 7″ at their shows or here at this links:
Spotify: https://goo.gl/K1aBjZ
Itunes: https://goo.gl/mzg25t
Vinyl: https://goo.gl/ZEvbgb

 

Anton, singer in the band.

How did Disavow start? Have you guys played music together before?

Anton: Mattias got in touch with me shortly after the end of Anchor and asked me if I would be into flexing out a project he started earlier that same year. We met and jammed on a few ideas. After that rehearsal we asked Robin, who I known since my first Europe tour, if he wanted to join up.
Next rehearsal we scraped the old and started in a new direction. In two hours our demo was written and the week after we got together again and recorded it. The three of us had never played together as a group but had been stand in’s in each others bands before so the chemistry wasn’t that hard to find.

When the time came to play our first show we asked Eli to play guitar and that’s how Disavow came to be a complete unite.


Half Empty came out last September. What’s the response so far? What’s the nicest thing you’ve heard about that 7”?

The response have been very positive! I think we all where a bit surprised even though we knew we’ve written a great record.

The best thing I’ve heard about the EP so far is that it is as cold and as hard as a concrete floor!

How did you end up working with Derek (Defeater) and Larzon (Millencolin) on this debut 7”?
Mattias has been in the touring world for over a decade know so the short version is that he just knows people from all over I guess. They both were really excited to be a part of the songs which was great!

Disavow.


You’ve been playing quite a lot of shows now and you’ve already toured Europe. What’s the main difference between Sweden and the other places you’ve played?

In Sweden we’re almost always playing front of friends which creates a different atmosphere to the other shows where there are more new faces!

You’re about to embark on another tour, which is going to be at the end of the year / beginning of 2018. Where are you going to play and what do you expect?
We’re playing Kiel, Essen, Berlin, Prague, Vienna and Erlangen with one more date to fill. Our expectations are that we’ll have a great time getting in people faces and then see if they either love it or hate it!


What’s next for Disavow?
Keep on doing intense and raw shows that makes everything else look bleak in comprehension and continue to spit out hardcore punk bangers!


Anything you want to tell to the people reading this?

Come out to a show and wave your first, mosh and stage dive with us! And of course, if you haven’t already, check out our EP ‘Half Empty’!

TOUR DATES AND INFO:

29 December: Kiel
30 December: Essen
31 December: Berlin
1 January: NEED HELP!
2 January: Prague
3 January: Vienna
4 January: Erlangen

Band Info: www.facebook.com/disavowhardcore
www.epidemicrecords.net

Disavow live. – Credits: Emma Lundqvist.

I Regarde ci parlano del nuovo album “Leavers”

Leavers è uscito da poche settimane; è tempo di andare a scoprire qualcosa di più di questa band e questo bellissimo disco. Una ventata di freschezza nel panorama musicale underground Italiano. E non lo diciamo perchè siamo di parte! Ascoltatelo (link in calce) e capirete. Lo potete ordinare dall’E-store Epidemic Records a questo link: https://goo.gl/9bmPXX

Quali sono le principali differenze tra “Leavers” e i lavori precedenti?

I due EP precedenti hanno un impronta piú “aggressiva” e lanciata rispetto a Leavers, aspetto che comunque non ha abbondonato del tutto il Full Lenght. Abbiamo infatti lavorato in modo tale da rendere più dinamico il tutto ammorbidendo aspetti che prima magari tendevamo a calcare e svuotando parti ritmiche che una volta avremmo riempito di più.

Regarde
Credits: Carlotta Bianco

Come avete affrontato il processo di composizione dei pezzi di “Leavers”? Avevate le idee chiare già in partenza o è stato più un “work in progress”?

A livello compositivo abbiamo cercato di lavorare molto più sulle sonorità per dare un peso diverso alle canzoni valorizzando le caratteristiche melodiche sia vocali che strumentali dei vari pezzi. Man mano che andavamo avanti con la stesura delle canzoni ci siamo resi conto della direzione che volevamo prendere: arrivati in studio sapevamo esattamente quello che volevamo.

Avete attraversato l’Oceano Atlantico per registrare questo disco. Come mai questa scelta? Come è andata?

Due di noi avevano già registrato con Jay Maas e in quella e altre occasioni abbiamo avuto modo di conoscerlo. Ci ha proposto di andare nel suo studio a Boston una delle volte in cui ci siamo trovati a discutere approfittando del fatto che si trovava in Italia per lavoro. Ci siamo fatti due conti e abbiamo scelto di buon grado di fare questa esperienza che si è rivelata, credo per tutti noi, una delle più belle esperienze della nostra vita. Jay ci ha aiutato ad ottenere esattamente quello che volevamo dal disco sia a livello di suoni che di carattere, il tutto in una situazione super tranquilla in cui tutti eravamo a nostro agio e in grado di dare il meglio.

Quali sono le band di riferimento che accomunano i membri dei Regarde? E quali sono invece quelle band che sentite individualmente più vicine a livello di stile e musica?

Credo che la risposta a entrambe le domande sia la stessa title fight, basement, citizen sono band che ci mettono tutti d’accordo e che sicuramente ci possono essere vicine come sonorità, poi individualmente possiamo avere ascolti e gusti differenti che vanno da king Krule, Mac De Marco agli Every Time I Die e My Bloody Valentine passando per punk rock e alternative vari.

Credits: Carlotta Bianco
Credits: Carlotta Bianco

Pensate che le persone possano ritrovarsi nei testi di “Leavers” o li avete scritti come valvola di sfogo unicamente personale?

Sicuramente scrivere è stata una bella valvola di sfogo, ma trattando temi comuni a tutti credo sia facile rispecchiarsi nei testi del disco.

Grazie per il vostro tempo, aggiungete quello che volete!

Grazie a voi per tutto quello che state facendo e per essere così vicini anche a livello personale alle band di cui siete portavoce!

Vinile: https://goo.gl/9bmPXX
Pagina Regarde: https://www.facebook.com/regardeband/
Ascolta su Spotify: http://spoti.fi/2hTzg7a
US (Vinyl): Wiretap Records
Tape e Digitale: V4V

Regarde
Regarde

Gab De La Vega: 10 years of veganism, for the animals. / 10 anni di veganismo, per gli animali.

10 years vegan

Acoustic punk / hardcore singer songwriter Gab De La Vega shares a few thoughts about his 10th anniversary as a vegan.
You can get his records and merch here: https://www.epidemicrecords.net/store/22-gab-de-la-vega

Yesterday marked exactly TEN YEARS since I’ve decided to go vegan. Ten years without feeding myself with someone else’s suffering. It’s probably the best choice I’ve ever made. I feel great, it makes me feel good with myself and in balance with the Universe.
I can’t really tell how many animals haven’t been exploited because of my own, single, personal decision. But I’m sure that such a simple choice made a difference for some animals out there.
It’s never too late and at some point it’s the easiest thing to do, once you accept to realize what’s behind the animal food industry. At least for me, at some point the hard part was not to change my habits, not to take a stand, not to go vegan.
Once I’ve decided to take part in this cultural, environmental, ethical change, I started feeling good again. And it still feels great, when I stop for a second and realize that nobody had to suffer and die for what’s in my dish.
So here I am, ten years after. Well, this picture was taken a couple of years ago. I could have posted one of the many pictures I’ve taken with delicious vegan food before devouring it, but I chose this one because it’s about them: the animals.
Those animals in the pictures have been rescued and they now live on an Animal Sanctuary. There are many, everywhere, around the World.
If you live in Italy, please visit Rete dei Santuari di Animali Liberi‘s website: www.animaliliberi.org
Take some time to visit one of these places and see for yourself the beauty of these lucky, beautiful, unique creatures. There are billions like them who are just waiting for someone to set them free or to stop being the reason why they are in such poor conditions. It’s all up to us. Be the change.
Gab De La Vega

=========================

Il singer songwriter acoustic punk / hardcore Gab De La Vega condivide alcuni pensieri sul suo decimo anniversario da vegan.
Potete ordinare i suoi dischi e merch qui: https://www.epidemicrecords.net/store/22-gab-de-la-vega

Ieri erano esattamente DIECI ANNI che ho deciso di diventare vegan. Dieci anni senza nutrirmi della sofferenza di qualcun altro. È probabilmente la miglior scelta che abbia mai fatto. Mi sento alla grande, mi fa stare bene con me stesso e in equilibrio con l’Universo.
Non so dire quanti animali non siano stati sfruttati grazie alla mia singola, personale, decisione. Ma sono sicuro che una scelta così semplice abbia fatto la differenza per degli animali là fuori.
Non è mai troppo tardi e ad un certo punto è proprio la cosa più semplice da fare, una volta che si accetta di rendersi conto di ciò che si cela dietro l’industria del cibo che usa animali. Almeno per me, ad un certo punto la cosa più difficile da fare era quella di non cambiare abitudini, non prendere una posizione, non diventare vegan.
Una volta che ho deciso di prendere parte a questo cambiamento culturale, ambientale ed etico, ho iniziato di nuovo a sentirmi bene. E mi sento ancora alla grande, quando mi fermo per un secondo e mi rendo conto che nessuno ha dovuto soffrire o morire per ciò che si trova nel mio piatto.
Ed eccomi qui, dieci anni più tardi. Beh, questa foto è stata fatta un paio d’anni fa. Avrei potuto postare una delle molte foto che ho fatto con del buonissimo cibo vegan prima di divorarlo, ma ho scelto questa perchè parla di loro: gli animali.
Quegli animali nella foto sono stati salvati e ora vivono in un Santuario per Animali. Ce ne sono molti, in tutto il Mondo.
Se vivete in Italia, visitate il sito della Rete dei Santuari Liberi: www.animaliliberi.org
Prendetevi del tempo per visitare uno di questi posti e ammirate con i vostri occhi la bellezza di queste meravigliose, fortunate e uniche creature. Ce ne sono miliardi come loro, che aspettano che qualcuno gli dia la libertà o che smetta di essere il motivo per cui si trovano in condizioni tanto misere. Dipende tutto da noi. Sii il cambiamento.
Gab De La Vega

© 2021 Epidemic Records. All Rights Reserved. P.IVA/VAT 03733930980 | epidemicrecords@hotmail.com | Privacy Policy | Cookie Policy | Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità